Di seguito, il contributo del direttore generale CTM Cagliari Bruno Useli al webinar Mobility Innovation Tour 2022 “E-bus e impianti di ricarica. Perché il presente e il futuro della mobilità passano da qui“, andato in onda il 31 marzo 2022.

L’aumento del carburante ha inciso per CTM per il 30/35% sui costi – e anche se adesso sembra destinato a scendere con il calmieramento del Governo – si sono aggiunti i costi dell’energia elettrica che stanno incidendo sull’economia globale.

La nostra azienda ha un contratto sull’energia che ha i prezzi bloccati per un anno e con un gestore che utilizza energie da fonti rinnovabili. Continuiamo quindi ad essere green, ma abbiamo come obiettivo quello di riconquistare il 30/40% di passeggeri persi durante la pandemia ed incrementarne il numero. Lo faremo con campagne di comunicazione mirate.

Continuiamo ad essere inguaribili ottimisti e vi racconto brevemente il nostro percorso verso la riconversione energetica.

Ricordo, per chi non avesse avuto modo di visitare la nostra bellissima città, che Cagliari, ha mantenuto, come Milano, oltre 40 km di rete filoviaria e proprio per questo motivo i 32 filobus, di cui 6 totalmente elettrici prima e i bus elettrici che abbiamo in servizio sono stati il vero inizio del rinnovo del parco mezzi verso l’elettrico.

Bruno Useli: la transizione energetica di CTM

Tutta l’azienda si sta impegnando in un ambizioso e innovativo progetto che abbiamo denominato la “Transizione energetica di CTM”, e ci siamo candidati ad essere una delle prime città in Italia a convertire l’intera flotta aziendale. Abbiamo approcciato il cambiamento con una visione sistemica e inglobando più ambiti di intervento: l’acquisto dei nuovi mezzi elettrici, le infrastrutture, i sistemi di ricarica e il nuovo deposito ZEB (zero emission Building). Un bell’obiettivo sicuramente!

Sono già in servizio 5 nuovi mezzi full hybrid da 18 metri di IVECO che abbiamo presentato a dicembre scorso e inaugurato a febbraio il nuovo bus Rampini con pantografo, quindi con ricarica breve al capolinea attraverso il bifilare, il primo mezzo di queste dimensioni in Europa, un mezzo da 6 metri che CTM ha acquistato per utilizzarlo nei centri storici dei nostri Comuni. Siamo stati invitati a Berlino dalla VDV – l’Associazione delle aziende di Trasporto pubblico Tedesche – il prossimo luglio, alla XIII Electric Bus Conference, per parlare del nuovo autobus con pantografo. Salgono così a 10 i mezzi elettrici corti per i quartieri storici.

bruno useli ctm cagliari

CTM Cagliari: 18 Solaris elettrici in arrivo

Abbiamo in corso l’acquisto di altri 18 mezzi da 12 metri – attraverso la piattaforma CONSIP – sono dei Solaris totalmente elettrici – che dovrebbero arrivare l’anno prossimo.

La transizione energetica non passa solo dall’acquisto dei mezzi ma sono importantissime ke infrastrutture. Su questo aspetto stiamo già lavorando per la predisposizione dei capitolati di gara per i sistemi di ricarica veloce da installare su capilinea strategici. I fondi che utilizzeremo sono quelli del PNRR e del Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile.

Il Sindaco di Cagliari e della Città metropolitana Paolo Truzzu ha già comunicato che metterà a disposizione 108 milioni di Euro del PNRR.

Con questi finanziamenti saranno possibili gli acquisti di mezzi e infrastrutture.

Bruno Useli: il futuro deposito elettrico di CTM Cagliari

Il nostro progetto continua con la costruzione di un nuovo deposito secondo le più recenti direttive europee in materia di consumi energetici e gli edifici al suo interno saranno ZEB (zero emission builing), il cui bassissimo fabbisogno è soddisfatto dall’autoproduzione di energia elettrica attraverso fonti rinnovabili (fotovoltaico e solare termico ad esempio).

Il progetto ha un costo complessivo (mezzi, infrastrutture e deposito) di circa 365 milioni di euro, per la cui realizzazione CTM attingerà principalmente da fondi PNRR, PON Metro e PSNMS. Allo stato attuale, CTM risulta già assegnataria di circa 126 milioni di euro.

Oltre ad essere Direttore Generale di CTM sono Amministratore Unico di una Scarl che si chiama ITS che è una in – house della città metropolitana di Cagliari e alla quale partecipano proprio i Comuni della città metropolitana di Cagliari che si occupa di gestire sistemi tecnologici della mobilità, infomobilità, videosorveglianza.

Proprio la settimana scorsa è stata allargata la compagine societaria di ITS con l’ingresso di altri 10 Comuni, oltre CTM, e ci apprestiamo a gestire 9 milioni di Euro di finanziamenti per il miglioramento della mobilità. Un’altra bella sfida!

Concludo invitando tutti voi a Cagliari per un tour della città e delle sue spiagge con autobus elettrici e sostenibili.

Bruno Useli,
Direttore Generale CTM Cagliari

Articoli correlati