Il piazzale Michelangelo di Firenze e piazza del Campo a Siena, ma anche il pontile di Forte dei Marmi o la Rocca di Piancastagnaio. Cosa hanno in comune questi luoghi? Raccontano la Toscana nel mondo e distano tutti – al massimo – cinque minuti a piedi da una delle oltre 37mila fermate dell’autobus presenti nella regione. Da oggi avere informazioni su come raggiungerli è ancora più facile grazie a Destination Tuscany, la nuova campagna di Autolinee Toscane pensata per incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico, sia da parte dei turisti che dei residenti, tutto l’anno, mettendo in risalto – grazie ad uno stile grafico accattivante, riconoscibile e facilmente fruibile – la vicinanza fra i molteplici punti di interesse della regione e le fermate dell’autobus presenti sul territorio.

Si tratta di una possibilità inedita per l’Italia: grazie al ruolo di Autolinee Toscane come gestore unico del trasporto pubblico locale su gomma della Regione ed alla capillarità offerta dal servizio, sarà possibile visitare tutte le bellezze della regione con un solo vettore.

Potrebbe interessarti

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so…

Cosa è e come funziona Destination Tuscany di Autolinee Toscane

Destination Tuscany (visitabile al seguente link www.at-bus.it/it/destinationtuscany) è una nuova sezione del sito web pensata per offrire ai viaggiatori, locali e internazionali, tutte le informazioni di cui hanno bisogno per poter visitare la regione Toscana utilizzando i mezzi pubblici. Qual è il costo del mio biglietto? Posso farlo a bordo? Quale autobus devo prendere? Qual è la fermata più vicina a dove voglio andare? Queste sono solo alcune delle domande per le quali è stato ideato il progetto Destination Tuscany e la relativa campagna dedicata al turismo che contiene, a sua volta, Estate in Bus, un contenitore di linee e servizi estivi attivi sulla costa, dalla riviera apuana alla Maremma, da giugno a settembre. Oltre alle informazioni di servizio, per facilitare viaggi e spostamenti, su Destination Tuscany troveranno spazio anche quelle di carattere turistico e culturale. E ancora: curiosità, punti di interesse, collegamenti con snodi ferroviari, portuali e aeroportuali per favorire una mobilità intermodale. Le informazioni turistiche sono divise per aree, basate sulla divisione per ambiti turistici riconosciuti dalla Regione Toscana in base alle specificità di ogni territorio e rimodulate sulla base della navigazione con l’autobus.

Tre le linee guida che dettano gli obiettivi e danno forma alla nuova campagna lanciata dal gestore regionale del trasporto pubblico su gomma: l’incentivazione del mezzo pubblico a favore di quello privato – una scelta, questa, capace di coniugare la sostenibilità economica con quella ambientale – la razionalizzazione della diffusione di informazioni ai viaggiatori grazie ad un unico portale dedicato e la realizzazione di un progetto pensato per il turismo toscano che sia attivo tutti i mesi dell’anno.

La campagna Destination Tuscany è accompagnata da una propria linea grafica che alterna luoghi iconici della Toscana come il piazzale Michelangelo di Firenze o Porto Santo Stefano ad altri meno noti ma tutti da scoprire come, appunto, la Rocca di Piancastagnaio. Ogni meta o località selezionata per la campagna Destination Tuscany è corredata da un’immagine che sottolinea la prossimità di una fermata dell’autobus, indicandone anche i minuti di distanza a piedi. La grafica della campagna è stata curata da Mirror mentre l’agenzia Riprese Firenze si è occupata della creazione di video reel per diffondere le informazioni sui social network, coinvolgendo le generazioni più giovani nella scoperta del territorio attraverso il bus. Oltre alla nuova sezione turistica sul sito web, disponibile sia in italiano che in inglese, la campagna verrà ampiamente segnalata con apposite locandine presso le biglietterie e le autostazioni e con i pendini all’interno degli autobus.

I commenti dei fautori del progetto

«Siamo entusiasti di lanciare la campagna Destination Tuscany – afferma Stefano Baccelli, assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture –  un passo importante per promuovere la mobilità sostenibile in Toscana. Questo progetto non solo incentiva l’uso del trasporto pubblico, riducendo l’impatto ambientale, ma rende anche più accessibili le bellezze naturali e culturali della nostra regione. Grazie alla collaborazione con Autolinee Toscane, offriamo un sistema di trasporto capillare ed efficiente, che facilita gli spostamenti e valorizza sia le destinazioni più note che quelle meno conosciute. Siamo certi che Destination Tuscany diventerà un punto di riferimento per un’esperienza di viaggio autentica e sostenibile».

«L’accoglienza di qualità dei visitatori che scelgono la Toscana passa anche dalla quantità e dal livello dei servizi a disposizione – commenta Leonardo Marras, assessore all’Economia e al Turismo della Regione Toscana -. Non possiamo che accogliere con favore, dunque, l’iniziativa di Autolinee Toscane che ha programmato servizi ad hoc per i diversi territori. Il successo della Destinazione toscana passa dal lavoro congiunto di tutti gli attori coinvolti, l’impegno costante di ognuno di noi è fare sempre al meglio la propria parte».

«Questa di oggi è la dimostrazione – dichiara Andrea Buonomini, direttore commerciale, marketing e tecnologie di Atdella scelta fatta da Autolinee Toscane di essere catalizzatore per raccordare al meglio i territori con accordi che diventano opportunità per gli enti, la regione, l’economia, il territorio e anche per l’azienda. Vedere il bus solo come qualcosa su cui si è “costretti” a salire per necessità, è una visione che guarda indietro. Vederlo come un mezzo di trasporto facile, etico, sostenibile, pratico e aggregatore di territori e di culture, è una visione contemporanea che abbiamo il dovere di trasferire ai toscani e a tutti coloro che scelgono la Toscana per vacanza, studio, lavoro»

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Articoli correlati

Autoguidovie porta l’intelligenza artificiale nel trasporto persone

Autoguidovie guarda al presente e al futuro cogliendo le opportunità tecnologiche del momento e crede fermamente che i migliori strumenti per conoscere, gestire e sfruttare il potenziale dell’intelligenza artificiale siano formazione e preparazione delle persone. Per questo l’azienda è partner della...