Il nuovo autobus elettrico Škoda E’CITY è stato presentato ieri alla decima edizione della fiera mitteleuropea Czechbus. Praga sarà così la prima città a utilizzare questo bus elettrico, dal momento che l’operatore Dpp ha ordinato una flotta di 14 veicoli e prevede di distribuirli principalmente sulle linee 154 e 213.

Skoda E’City, la ricarica al tetto

Škoda E’CITY prevede sistema di ricarica a pantografo, il che consente di sfruttare l’infrastruttura esistente per tram e filobus. Dpp ha già preparato l’infrastruttura per questo tipo di ricarica alle fermate finali Strašnická e Želivského. La ricarica qui avrà luogo per 15-30 minuti, consentendo di riempire parte della capacità totale della batteria.

Praga riceverà da Škoda Transportation anche un sistema di gestione energetica avanzata per l’intera flotta di veicoli, che consentirà una ricarica economica delle batterie e ne prolungherà la vita utile.

skoda e'city

È anche possibile utilizzare l’opzione di ricarica notturna plug-in nel deposito da una presa di corrente. Anche l’aria condizionata e il riscaldamento sono puramente elettrici. La cabina di guida è chiusa per esigenze di sicurezza più elevate.

La collaborazione Skoda – Temsa

Petr Brzezina, presidente del gruppo Škoda Transportation, ha detto: “Ogni giorno lavoriamo per migliorare i nostri prodotti e investire nello sviluppo di altri. Il nuovo modello di autobus elettrico Škoda E’CITY ne è una chiara dimostrazione e sono molto felice che la prima città in cui verrà utilizzato sia Praga. I veicoli senza emissioni sono una parte fondamentale del trasporto moderno e aiutano a ridurre non solo l’impronta di carbonio ma anche i costi operativi dell’operatore dei trasporti. Il nostro autobus elettrico offrirà anche molti vantaggi ai passeggeri”.

“Questa è la prima consegna di autobus elettrici che stiamo realizzando in collaborazione con la nostra azienda sorella Temsa, che in questo caso è stato il nostro subappaltatore. La carrozzeria è stata prodotta in Turchia sulla base delle nostre specifiche. A questo abbiamo aggiunto il meglio della nostra produzione – equipaggiamento elettrico completo, comprese le batterie e il pantografo – l’intero assemblaggio e il collaudo completo del mezzo è stato realizzato nella nostra fabbrica di Pilsen. Grazie a questa cooperazione, è stato creato un mezzo ideale per il trasporto pubblico”, ha spiegato Zdeněk Majer, vicepresidente senior per le vendite del gruppo Škoda Transportation.

Articoli correlati

Karsan va alla conquista del Sud-Est asiatico

In occasione del vertice Business20 tenutosi a Bali nel 2022, Karsan ha firmato un accordo per la trasformazione dei minibus e degli autobus elettrici in Indonesia. Il costruttore turco ha infatti siglato un memorandum di cooperazione con Schacmindo, azienda indonesiana del Gruppo Credo, per sostene...

Consip, i pretendenti al titolo “elettrico”

Consip ha reso pubbliche le offerte presentate gara per la fornitura di 1.000 autobus ad alimentazione elettrica con tecnologia di ricarica plug-in e pantografo, per un valore totale di oltre 660 milioni di euro L’iniziativa consentirà alle Pubbliche Amministr...

I 12 metri degli Irizar ie bus per Cracovia. Dal 2023

Dall’anno venturo per le strade di Cracovia circoleranno gli autobus elettrici di Irizar e-mobility, grazie al contratto firmato con l’operatore MPK Krakow, che prevede la fornitura di quattro autobus cento per cento elettrici a zero emissioni (con la possibilità di fornirne ulteriori tr...