I bus navetta da Milano all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio saranno elettrificati entro l’inizio dei Giochi invernali di Milano Cortina 2026. L’obiettivo è stato fissato dal gigante degli autobus aeroportuali Terravision. Entro il 2026 dovrebbe essere completato anche il collegamento ferroviario tra Orio al Serio e la città.

La notizia è riportata dal quotidiano Corriere della Sera. Finora non sono state rilasciate ulteriori informazioni sul numero di veicoli e sulla tabella di marcia. Quello che si sa finora è che, sempre citando il quotidiano, Terravision “ha già richiesto due incontri di lavoro e di pianificazione con gli operatori di Orio al Serio, che si sono tenuti alla fine dello scorso anno, e che sono in linea con le trattative già aperte con altri aeroporti italiani”.

Milano – Orio al Serio su navette elettriche entro il 2026

Tullio Mastrangelo, direttore generale di Terravision electric limited, è citato dal Corriere della Sera: “In circa 10 anni, a partire dal 2012, Terravision ha trasportato 6 milioni di passeggeri tra Milano e Orio. Pensiamo a quanta circolazione di auto è stata risparmiata, ma soprattutto, guardando al futuro, guardiamo alla prospettiva che una fetta così imponente di spostamenti possa avvenire in modo green e sostenibile”.

“L’ultimo bilancio di Sacbo (la società che gestisce l’aeroporto di Bergamo) dice che nel 2021 ci saranno quasi 6,5 milioni di passeggeri, cioè oltre il 70% in più rispetto al primo anno della pandemia, circa la metà dei livelli pre-Covid. Il primo semestre del 2021, tuttavia, è stato ancora fortemente vincolato dalle norme di contenimento dell’infezione, e infatti nei soli primi cinque mesi del 2022 i passeggeri a Orio sono già stati più di 4,5 milioni, sei volte e mezzo in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

Fonte immagine di apertura: Tridpadvisor

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Sardegna, 40 milioni di euro per 90 e-bus

L’Arst, azienda di trasporto pubblico della Regione Sardegna, avrà a disposizione circa 40 milioni di euro per l’acquisto di 90 autobus elettrici da 12 metri. La somma è stata stanziata ieri (giovedì 21 luglio, ndr) dalla Giunta con una delibera, con l’obiettivo finale di sostituir...