di Stefano Alfano

La rete filoviaria di Zurigo guarda al futuro, a suon di nuove tecnologie e nuove linee a trazione elettrica. VBZ di Zurigo, infatti, dopo le consegne nel 2019 di tre maxi filobus da 24 metri, continua il rinnovo del parco rotabile, ed ancora una volta la Hess è protagonista. A marzo 2020 sono infatti iniziate le consegne di 9 nuovi filobus, serie 200-208, del tipo Lightram 19, di 18,7 m di lunghezza, dotati di quattro porte con tecnologia IMC e pacco batterie.

foto: O. Tabbert

A inizio marzo il primo nuovo ingresso

Il primo filobus è entrato in servizio a metà marzo seguito poco dopo dal secondo (n.200) dotato di una livrea particolarmente “ecologica” ( la parte alta delle fiancate) che ricorda come i nuovi filobus siano ad “emissioni zero” sia in marcia normale che autonoma. I nuovi arrivati verranno impiegati sia sulla linea 83 che sulle linee di futura elettrificazione. È infatti il corso la progettazione per la conversione in trazione elettrica delle linee automobilistiche 69, dal capolinea di Milchbuch a ETH Honggenberg (10 minuti di percorrenza e passaggi ogni 10 minuti ) e 80, lunga linea tangenziale che serve il settore nord della città, collegando l’ospedale di Triemli alla stazione di Oerlikon, di 30 minuti di percorrenza e passaggi ogni 10 minuti.

Fine lavori: 2024

I progetti dovranno essere presentati entro il 2022 e la conclusione dei lavori è prevista entro il 2024. A questo scopo il Governo cantonale zurighese ha stanziato 3,4 milioni di franchi svizzeri per il progetto e la stesura del bifilare, che con tutta probabilità coprirà solo una parte del percorso, come sulla linea 83.

La gestione delle due linee sarà in parte in modalità wireless, la decisione è stata presa dopo i brillanti risultati della linea 83, considerata la “linea pilota” per la gestione in modalità wireless.

Aperta nel dicembre 2015, la linea 83 è l’estensione della linea filoviaria 71, e l’assorbimento della linea automobilistica 95, e collega il capolinea di Milchbuch con la stazione di Zurigo Alstetten percorrendo parte della linea appunto in modalità wireless. Da Milchbuch a Hardplatz i filobus della linea 83 utilizza il bifilare della linea 72, per poi sganciarsi da questo a Hardplatz e proseguire in marcia autonoma a batteria fino al capolinea.

La linea 83 ha visto crescere rapidamente il numero annuale di passeggeri, passato da 1,5 milioni a 2,5 milioni; VBZ ha quindi incrementato le corse, ogni 7 minuti e mezzo dal lunedi al venerdi e ogni 15 minuti il sabato.

Preziosa è stata a questo proposito il test del filobus sperimentale Swisstrolley Plus n.183, in cui sono stati sperimentali materiali piu’ leggeri fino a una tonnellata, software di ottimizzazione dell’energia impiegata, impianti a minore assorbimento e batterie che consentissero un’autonomia fino a 30 km. Le prove hanno dato evidenzia di un risparmio fino al 15 % di energia assorbita, oltre alle buone prestazioni del mezzo. Hess ha quindi avviato la produzione di serie dei filobus Lightram 19, già in esercizio al momento Berna, Biel, Lucerna, e nella stessa Zurigo (nella versione a 24 metri), oltre che a Salisburgo.

La rete filoviaria di Zurigo è sempre in evoluzione e ha ottime prospettive per i prossimi anni, in cui ci saranno sicuramente acquisiti nuovi veicoli filoviari per le linee di prossima elettrificazione.

In primo piano

Articoli correlati

I nuovi filobus di Bratislava sono firmati Skoda

Bratislava è pronta a modernizzare la sua flotta di filobus. Per farlo, ha incaricato Skoda Transportation Group, che ha vinto due gare d’appalto per la fornitura di 23 filobus bi-articolati e 16 filobus a tre vetture con alta capacità di passeggeri. Il valore dei due ordini è di oltre 29 mili...

Filobus a Verona, una risorsa per il futuro

Il filobus a Verona è alla seconda generazione. Per quarantaquattro anni del secolo scorso, infatti, dal 1937 al 1981, la città veneta, di 257.500 abitanti, patrimonio Unesco, ha beneficiato di una vasta rete filoviaria, con copertura del territorio urbano e di alcuni centri limitrofi. La prima line...