Il filobus a Verona è alla seconda generazione. Per quarantaquattro anni del secolo scorso, infatti, dal 1937 al 1981, la città veneta, di 257.500 abitanti, patrimonio Unesco, ha beneficiato di una vasta rete filoviaria, con copertura del territorio urbano e di alcuni centri limitrofi.

La prima linea, aperta nel 1937, collegava le stazioni ferroviarie di Porta Nuova e Porta Vescovo; oltre alle sette linee urbane, quattro linee suburbane raggiungevano Grezzana, Domegliara, San Bonifacio (con diramazione per Soave) e Tregnago. La lunghezza delle linee variava dai dieci chilometri della linea per Grezzana, ai venti e ventidue delle linee per Domegliara e San Bonifacio, mentre la linea per Tregnago sviluppava un percorso di 12,300 km. circa.

Il materiale rotabile era composto da una trentina di vetture per il servizio urbano di 11 metri di lunghezza, e 29 veicoli, di cui 26 snodati, per il servizio extraurbano, servizio sicuramente molto utilizzato dall’utenza a carattere principalmente sistematico (studenti e lavoratori). Materiale moderno per l’epoca, la flotta vantava gli ultimi filobus prodotti in Italia, i Fiat 2411/1 del 1966, che alla chiusura della rete  furono subito acquistati da altri esercenti (Bergamo e Salerno, poi Bologna e Sanremo). Mentre la rete urbana fu soppressa nel 1975, le linee suburbane sopravvissero fino al 1981, anno in cui tra l’altro venivano immessi in esercizio in altre città italiane i primi filobus di nuova generazione, prodotti di nuovo in Italia dopo 15 anni. Nuovi autobus invece sostituirono i filobus a Verona, e se allora poteva essere la scelta più sensata, i problemi di inquinamento acustico ed ambientale non tardarono a presentarsi.

Negli anni Ottanta buona parte delle città che ancora detenevano l’impianto filoviario, rinnovarono le flotte, mentre nulla veniva fatto per i nuovi impianti. Ancora sentito era il problema del vincolo alla rete aerea. Rispetto alla produzione degli anni Cinquanta e Sessanta, i filobus costruiti negli anni Ottanta disponevano di maggiore comfort, sia per il personale di guida che per i viaggiatori;  vennero tra l’altro utilizzati componenti in comune con autobus allora in produzione, come nel caso del modello Menarini 201.

IL SERVIZIO COMPLETO SUL NUMERO DI AUTOBUS DI APRILE

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Bus Rapid Transit: CTM attiva la nuova linea QEX a Cagliari

CTM non poteva festeggiare meglio i 70 anni di servizio filoviario a Cagliari, attivo dal 22 dicembre 1952, confermando ancora una volta la base della propria politica: attenzione all’ambiente, mobilità sostenibile, decongestionamento. Obiettivo: convincere un numero ancora maggiore di cittadini a u...

Lightram, iniziate le consegne dei filobus ad alta capacità a Winterthur

Winterthur, città svizzera di 111.800 abitanti, seconda come dimensioni  del Cantone di Zurigo, ha ricevuto il 30 agosto 2022 dalla carrozzeria Hess di Bellach il primo filobus tricassa, modello Lightram 25 di 24 metri di lunghezza. Il veicolo, nella sgargiante livrea bianco-rossa, è già nel deposit...

I nuovi filobus di Bratislava sono firmati Skoda

Bratislava è pronta a modernizzare la sua flotta di filobus. Per farlo, ha incaricato Skoda Transportation Group, che ha vinto due gare d’appalto per la fornitura di 23 filobus bi-articolati e 16 filobus a tre vetture con alta capacità di passeggeri. Il valore dei due ordini è di oltre 29 mili...