Nasce l’asse Il Cairo-Pechino per la messa in produzione di autobus ecologici a basse e zero emissioni per accogliere e abbracciare la mobilità sostenibile. Egitto e Cina, infatti, hanno firmato due accordi di cooperazione nei settori della produzione di autobus e della distribuzione di generatori, motori e centrali elettriche. Lo ha annunciato in un comunicato stampa la ministra del Commercio e dell’Industria egiziana, Nevin Gamea.

Le due intese si inseriscono nel quadro del piano dell’Egitto per rafforzare l’industria nazionale e per l’impiego sempre più diffuso di mezzi di trasporto pubblici ecologici. I due accordi sono stati firmati da Khaled Giyoshi, amministratore delegato della società egiziana Giyoshi e dal vicepresidente esecutivo del gruppo cinese Shandong Sun Ju.

Alla firma del patto era presente il ministro di Stato egiziano per la Produzione militare, il generale Mohamed Ahmed Morsi il quale ha dichiarato che il suo ministero sta attualmente lavorando per convertire 2.262 autobus dell’Autorità per i trasporti pubblici al Cairo e ad Alessandria a gas naturale, in collaborazione con i dicasteri del Petrolio e dello Sviluppo locale e la società egiziana Giyoshi.

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati

Trambus elettrici di Van Hool verso Malmö, in Svezia

Una flotta da 21 trambus è quasi pronta a circolare nella città svedese di Malmö con la livrea di Nobina. Van Hool ha infatti concluso un contratto con la più grande compagnia di trasporto passeggeri in Scandinavia per la consegna di 21 bus articolati da 24 metri a batteria del modello Exqui.City. I...