Masats, azienda spagnola che produce porte pneumatiche ed elettriche, rampe e piattaforme di accesso per veicoli di trasporto passeggeri – dagli autobus ai coach, passando per i minibus e i veicoli ferroviari – ha lanciato la nuova porta scorrevole 028d Slim.

La nuova sliding door è stata sviluppata per risolvere i problemi di spazio di alcuni veicoli (in particolare quelli a due piani o i nuovi veicoli autonomi) anche se è adatta a tutti i tipi di autobus urbani.

La nuova porta scorrevole elettrica 028d SLIM completa la gamma di prodotti urbani Masats di nuova generazione; si tratta di un meccanismo molto compatto e di altezza ridotta (153 mm), ideale per i veicoli con poco spazio nella parte superiore per facilitare l’accesso al motore e la manutenzione.

La sostenibilità è fondamentale per l’azienda ed è per questo che questo nuovissimo sistema pesa il 20% in meno, il che non solo contribuisce a ridurre il consumo di carburante del veicolo, ma consente anche di produrre meno rifiuti alla fine del suo ciclo di vita.
Si tratta di una porta scorrevole ad alte prestazioni con un movimento armonioso e una tenuta perfetta per ridurre il rumore. Il sistema è stato testato per 1,5 milioni di cicli e soddisfa i più elevati standard stabiliti dalla norma ISO 16750.

La nuova porta 028d è compatta ma è dotata dei massimi sistemi di sicurezza, come il sistema meccanico di autobloccaggio che impedisce l’apertura della porta quando è completamente chiusa. Dispone inoltre di un triplo sistema di sicurezza: tramite encoder, tramite un bordo sensibile con elevato rilevamento degli ostacoli e tramite rilevamento elettronico. Il sistema di emergenza si attiva con pulsanti pneumatici.

Le prime unità sono già presenti in alcuni veicoli aeroportuali Cobus in Portogallo.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati