Clikbus. Un nome dietro il quale si cela una ‘cordata’ di bus operator abruzzesi, capitanati da Di Fonzo. Aziende che uniscono le forze sotto una livrea e un’applicazione comune. Focus: i collegamenti in autobus tra l’Abruzzo e Roma, ma non solo. Prime corse il 3 giugno. Con un elemento da sottolineare: l’Abruzzo è la terra di partenza, ma non il recinto della nuova piattaforma, che “è aperta a tutti i vettori d’Italia che nella collaborazione tra professionisti vedono nuove sfide per il settore”, spiega Pierpaolo Di Fonzo.

clickbus

Cinque operatori per Clikbus

Di Fonzo, Sangritana, Di Febo Capuani, Di Giacomo e Passucci hanno creato il nuovo brand Clikbus, che collega la regione con la Capitale e i suoi aeroporti di Fiumicino e Ciampino.

È tutto in una sola app, con cui gestire prenotazione e acquisto del titolo di viaggio: corse giornaliere a prezzi competitivi per viaggiare con autobus dalla comodità “gran turismo” e sedili distanziati, la disponibilità del personale qualificato, il wi-fi a bordo, le prese per ricaricare i dispositivi elettronici e tanto altro, spiegano i promotori.

La flotta conta ad oggi 40 mezzi: a bordo sono sempre rispettate le normative in tema di igienizzazione, sanificazione e distanziamento sociale.

Clikbus ha anche una carta fedeltà ad hoc: la Clikbus Card, personale e riservata ai clienti, offre sconti e promozioni.

clickbus

Clikbus, si parte il 3 giugno

Terminato il lockdown, si parte dall’Abruzzo dal 3 giugno, giorno in cui anche Flixbus ha annunciato che riaccenderà i motori. All’inizio si tratterà di tre corse giornaliere per Roma e gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino: da San Salvo, Vasto, Lanciano, Pescara e Chieti Scalo. Tutti i venerdì e tutte le domeniche, per adesso, le partenze saranno disponibili anche da Montesilvano e dalla costa teramana con Pineto, Roseto e Silvi. L’offerta è in aggiornamento continuo sul sito www.clikbus.it.

“Il Governo – dichiara Pierpaolo Di Fonzo, amministratore unico della società che gestisce Clikbus – volta le spalle al settore gomma di lunga percorrenza, duramente colpito dalle misure restrittive decretate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da coronavirus. Tuttavia noi siamo convinti che il nostro progetto possa rappresentare per i vettori soci una nuova opportunità in un momento di profonda crisi. Il seme è stato gettato in Abruzzo – conclude Di Fonzo – ma la piattaforma trasportistica è aperta a tutti i vettori d’Italia che nella collaborazione tra professionisti vedono nuove sfide per il settore”.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati