Si è tanto parlato, per il futuro post-pandemia, di turismo di prossimità, alla riscoperta delle bellezze del territorio. Questo, per valorizzare il nostro patrimonio e supportare i lavoratori del settore penalizzati dai mesi di chiusura.

Al fianco delle grandi città d’arte, ci sono altri gioielli ricchi di spunti storico-culturali, perfetti per gite o brevi vacanze. Ad esempio, la splendida Verona, famosa per la sua Arena.

Visitare Verona potrebbe essere un ottimo spunto per ricominciare a viaggiare.

La città, infatti, oltre alla nota Arena, offre moltissimi punti di interesse fra castelli e dimore storiche, oltre a trovarsi a breve distanza dal Lago di Garda.

E proprio dai castelli parte la proposta di slow tourism di Destination Verona, l’ente di promozione del territorio, che lancia l’iniziativa “6 castelli per 6 destinazioni”. Un modo sicuramente originale di visitare Verona, attraverso un vero e proprio percorso tematico che tocca la città, la sua provincia e la riva del Lago.

Visitare Verona e i suoi castelli: le tappe del tour

Un tour dei castelli del veronese non può che partire dalla città. Attraversando infatti il Ponte di Castelvecchio, si arriva all’omonimo castello. Fatto costruire dal Signore di Verona, Cangrande della Scala, fu rifugio di Dante durante il suo esilio da Firenze. Oggi Museo Civico, ospita una vasta collezione di sculture, dipinti e armi, esposte nella Torre del Mastio.

Il tour dei castelli prosegue poi con il Castello di Soave, edificato come fortezza difensiva contro le incursioni degli Ungari, e i cui camminamenti offrono allo sguardo il meraviglioso panorama dei Monti Lessini.

visitare verona

Il castello di Soave

La provincia di Verona offre poi ben tre Castelli Scaligeri. Quello di Malcesine, sul Lago di Garda, monumento nazionale e oggi sede del Museo di Storia Naturale. Quello trecentesco di Lazise, borgo lacustre che conserva inoltre anche l’originaria cinta muraria. E infine, quello di Villafranca, risalente al Duecento, e ambientazione di alcune scene del dramma di Shakespeare “Romeo e Giulietta”.

visitare verona

Castello di Lazise

Come ultima tappa del tour, Destination Verona propone il Forte Masua, una costruzione più recente, adibita a fortificazione di difesa contro l’esercito austriaco grazie alla sua posizione sopraelevata, che sovrasta la Valle dell’Adige.

Ma il territorio veronese offre moltissimi altri spunti per proseguire il percorso tematico. Ad esempio la fortezza di Castelnuovo del Garda, fatta costruire da Galeazzo Visconti alla fine del Trecento in seguito alla vittoria milanese sugli Scaligeri. Oppure, il castello medievale di Montorio Veronese, che sorge sull’omonima collina. O, ancora, il Castello di Bevilacqua, aperto ai turisti per ammirare i suoi affreschi e le sue sculture, ma anche adibito a manifestazioni e cerimonie.

Turismo di prossimità nel veronese

Destination Verona, oltre a spunti per visitare Verona e il suo centro storico, suggerisce diverse destinazioni nel territorio. Anzitutto la provincia, con i borghi affacciati sul Lago di Garda, come Peschiera, Bardolino e Garda stessa. E poi la Valpolicella, con le sue colline e vigneti, dove dedicarsi alla visita alle cantine e ad attività all’aria aperta come il trekking tra le cascate o le passeggiate in bici o a cavallo. O il Parco Naturale della Lessinia, che si estende fino alle piccole Dolomiti, con i suoi giacimenti fossili per appassionati di archeologia e paleontologia.

Un territorio per tutti i gusti, insomma, capace di mettere d’accordo amanti dell’open air, appassionati di arte e storia, turisti in cerca di percorsi enogastronomici o di relax sul lago, per una vacanza a 360° alla scoperta del nostro bellissimo Paese.

Immagine in evidenza: Emi Cristea, Fotolia.com

Leave a Reply