La lista di “borghi arancioni” di Touring Club, ovvero i borghi a cui è stata assegnata la Bandiera Arancione dell’eccellenza turistica, si arricchisce con 5 new entry.

Touring Club, infatti, dal 1998 seleziona e certifica con questo marchio di qualità turistico-ambientale i piccoli borghi dell’entroterra che offrono ai turisti un patrimonio culturale e naturalistico di pregio e un’accoglienza eccellente.

Si tratta di una delle tante attività di valorizzazione del territorio coerenti con i valori del Touring, volte a promuovere uno sviluppo turistico sostenibile ed esperienze di viaggio autentiche.

Questi i criteri di valutazione per l’assegnazione della Bandiera Arancione:

  • la densità di abitazione inferiore a 15mila abitanti
  • la qualità dell’accoglienza
  • la sostenibilità ambientale
  • la tutela del patrimonio artistico, storico e culturale.

Borghi arancioni, le new entry 2020 di Touring Club

Touring ha assegnato 5 nuove Bandiere Arancioni a Comuni d’eccellenza in cinque regioni diverse, da nord a sud dell’Italia:

  • Introd (Valle d’Aosta)
  • Valeggio sul Mincio (Veneto)
  • Levico Terme (Trentino-Alto Adige)
  • Roccamandolfi (Molise)
  • Castelmezzano (Basilicata)

Con queste 5 new entry, l’elenco di borghi arancioni di Touring Club raggiunge 252 località.

Introd

Piccolo centro montano ai piedi del Parco Nazionale del Gran Paradiso, in provincia di Aosta, Introd è ideale per trekking, mountain-bike e passeggiate a piedi o con le ciaspole. È possibile anche visitare il Parc Animalier, un parco faunistico dedicato ad animali caratteristici dell’ambiente alpino valdostano e flora locale.

Oltre alla splendida cornice naturale, Introd è ricca di luoghi di interesse storico- culturale, come il Castello risalente al XIII secolo e le latterie, dove scoprire i segreti della lavorazione tradizionale del latte. O la Maison de l’alimentation, un’antica casa rurale trasformata in museo, che illustra la storia dei prodotti tradizionali e delle loro tecniche di conservazione. Al suo interno sono presenti anche degustazioni di prodotti locali, come il pane nero e il Pinot Gris.

Incastonato fra le montagne e tra simboli del passato, non può che ospitare eventi di rievocazione storica, come la Nuit Des Temps ad ottobre, e il Festival del Castello, che si svolge invece in estate.

Valeggio sul Mincio

Il borgo di Valeggio, in provincia di Verona, si trova in realtà al confine tra Veneto e Lombardia, sulla sponda sud del Lago di Garda.

La Valle del Mincio è l’ambiente ideale per passeggiate in bici o a piedi, immersi nell’atmosfera medievale della frazione di Borghetto. Il paese è infatti sovrastato dall’imponente Castello Scaligero e  dal ponte Visconteo. Ogni angolo del borgo richiama il passato: osservando con attenzione, si possono notare tra gli edifici ruote di antichi mulini e merlature ghibelline. Meritano una visita anche il settecentesco e neoclassico palazzo Guarienti e la chiesa di San Pietro in Cattedra con i suoi dipinti. Imperdibile, poi, il meraviglioso Parco Giardino Sigurtà, con i suoi 60 ettari di vegetazione e specie botaniche diverse.

Non mancano anche i prodotti enogastronomici da provare, come il Bardolino DOC. E soprattutto i celebri Tortellini di Valeggio, a cui è dedicata una romantica leggenda, celebrata dalla Festa del Nodo d’Amore che si svolge a giugno.

borghi arancioni touring club

Il borgo di Valeggio sul Mincio

Levico Terme

Il borgo di Levico, in Valsugana, è famoso in tutto il mondo per le sue acque termali arsenicali e ferruginose dalle proprietà terapeutiche e rigenerative.

A livello naturalistico, offre sentieri perfetti per passeggiate a piedi o in bici, sia nel Parco Asburgico delle Terme, sia sulle sponde del lago di Levico, adatto anche per pesca o uscite in canoa.

Il centro storico colpisce per il suo stampo ottocentesco. Al suo interno, tra le vie caratteristiche, si incontrano botteghe artigiane e negozi di prodotti tipici: il formaggio Vezzena e la grappa Vettorazzi.

Roccamandolfi 

In provincia di Isernia, al confine tra Molise e Campania, Roccamandolfi è un borgo pittoresco immerso tra boschi e montagne.

Il suo centro storico si snoda con case arroccate intorno alla chiesa di San Giacomo Maggiore. Dalle rovine della Rocca che sovrasta l’abitato si gode di una splendida vista sulla natura circostante. La storia del borgo è legata al fenomeno del brigantaggio in epoca risorgimentale, a cui oggi sono dedicate la Statua del Brigante e un museo multimediale.

Per gli appassionati di turismo open air, il borgo offre una grande varietà di escursioni, tra grotte e cascate. Ad esempio la Riserva Naturale del Torrente Callora, o il Ponte Tibetano, che permette di camminare ad alta quota circondati dalle pareti rocciose.

Tra i prodotti tipici è possibile degustare formaggi, miele e insaccati. Da vedere assolutamente, infine, gli abiti d’epoca, non solo per la loro bellezza, ma soprattutto per il loro valore antropologico.

borghi arancioni touring club

Borgo di Roccamandolfi (Isernia)

Castelmezzano

Questo borgo in provincia di Potenza si inserisce nel Parco Naturale Regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane.

Il suo centro storico è tipicamente medievale, reso suggestivo dagli edifici in arenaria incastonati nella roccia e dai vicoli stretti che salgono fino ai ruderi del fortilizio Normanno.

Motivo in più per visitare il borgo è il contesto naturalistico che lo circonda. Per gli amanti dell’avventura, infatti, è possibile provare il volo dell’Angelo, un cavo d’acciaio sospeso nel vuoto, o la Via Ferrata Salemm, un percorso attrezzato per scalare le Dolomiti. I meno intrepidi, invece, possono provare la “passeggiata letteraria” del Percorso delle 7 Pietre:  un antico sentiero di circa 2 km che si ispira ai racconti tradizionali locali.

Fra le prelibatezze del posto, da provare assolutamente le crostole, gustosi dolci tipici delle occasioni di nozze. E per restare in tema, da non perdere la “Festa del “maggio” o “Sposalizio degli alberi“, un’antica tradizione di forte impatto teatrale.

borghi arancioni touring club

Castelmezzano innevato. Fonte immagine: sito Basilicataturistica.it

Con l’assegnazione di queste cinque nuove Bandiere Arancioni, Touring Club conferma il proprio impegno nella tutela e nella valorizzazione delle bellezze nostrane. L’obiettivo è rendere l’Italia ancora più conosciuta, attrattiva e accogliente per turisti italiani e stranieri, perché il rilancio del settore possa partire proprio dai piccoli borghi.

Con l’augurio che questa emergenza sanitaria abbia termine il prima possibile, cinque nuovi meravigliosi borghi arancioni ti aspettano per offrirti tutta l’eccellenza culturale e naturalistica del nostro Paese. Devi solo scegliere il tuo preferito…o visitarli tutti!

Leave a Reply