La svolta green del trasporto pubblico locale coinvolge anche Monza. Entro il 2033, nei prossimi 12 anni, in città arriveranno infatti 40 nuovi bus ecologici, a trazione completamente elettrica. La giunta ha approvato la delibera che sblocca importanti investimenti nell’ambito del Piano Strategico Nazionale della Mobilità Sostenibile con sedici milioni di euro – che diventeranno venti con gli ulteriori quattro milioni investiti direttamente dal nuovo gestore del servizio di trasporto pubblico locale da individuare – nell’ambito del «Piano Strategico Nazionale della Mobilità Sostenibile» (PUMS) del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

Bus ecologici a Monza, gli investimenti

Le risorse, spalmate dal 2024 al 2033, consentiranno di acquistare complessivamente circa 40 bus ecologici (a completa trazione elettrica) per il tpl di Monza. Questa nuova tranche di finanziamento si aggiunge a quella di oltre 7 milioni di euro della fine dell’anno scorso per finanziare l’acquisto di 15 nuovi bus green che viaggeranno sulle strade di Monza entro il 2023. L’obiettivo del finanziamento è favorire la sostituzione dei vecchi autobus con nuovi veicoli tecnologicamente più avanzati e a basso impatto ambientale che possano contribuire a migliorare la qualità dell’aria.

Le risorse destinate a Monza ammontano a 16.012.277 euro, mentre la quota di cofinanziamento che dovrà investire il nuovo gestore del servizio di trasporto pubblico locale che sarà individuato dell’Agenzia TPL è pari a 4.003.069 euro. Ciò significa che il finanziamento complessivo per l’acquisto di 40 autobus «a impatto zero» e infrastrutture di ricarica è pari a 20.015.346 euro. Tali risorse dovranno esser spese nel periodo compreso tra il 2024 e il 2033.

Il commento

Queste risorse – spiega l’Assessore alla Mobilità Federico Arenaci consentiranno di portare a 55 unità la flotta di bus urbani di Monza a impatto zero, consentendo così di rottamare la quasi totalità dell’attuale “parco autobus” che sarà rinnovato con mezzi all’avanguardia che faranno fare un salto qualitativo importante al nostro trasporto pubblico sia a livello di comfort per i passeggeri, che, soprattutto, a livello di sostenibilità ambientale. Il nostro obiettivo è arrivare in un futuro ad avere in circolazione, sulle linee che attraversano Monza, solo mezzi ad impatto zero, silenziosi, comodi e ad alta tecnologia con il conseguente abbattimento delle emissioni, la riduzione dei consumi e le positive ricadute sull’ambiente. Il tema della mobilità oggi – anche a seguito della pandemia – è strategico per garantire una migliore qualità della vita. Dobbiamo impegnarci in nuove sfide, pensare a come saranno le nostre città nel post epidemia e questo mondo lo costruiamo con le scelte di oggi”.

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati

Genova, il trasporto pubblico diventa gratuito

Il primo dicembre Genova comincera’ la sperimentazione del trasporto pubblico locale gratuito, a partire al momento dagli impianti verticali (ascensori, funicolari e cremagliere) e metropolitana. L’obiettivo, ha spiegato il sindaco Marco Bucci “e’ incentivare l’utilizzo...