Quasi un milione di chilometri affidati ai privati, oltre ai 700mila per cui la procedura si è già conclusa. Amt Genova rinuncia alle colline: parte delle linee che corrono nell’entroterra, a domanda tutt’altro che elevata, saranno assegnate all’esterno della municipalizzata. La dichiarazione è arrivata dall’assessore genovese ai trasporti Anna Maria Dagnino in consiglio comunale. Ne scrive il “Secolo XIX”.

Si prosegue sulla strada delle esternalizzazioni

La gara chiusa a fine 2016 ha già segnato un cambio di passo nella strategia dell’azienda di trasporto pubblico. 722mila chilometri all’anno erano stati “scorporati” dai doveri di Amt e consegnati a operatori privati: una scelta che, assicura Dagnino, consente ad Amt di risparmiare 600mila euro all’anno. Ecco che ora è in preparazione una seconda gara: «Si tratta sempre di linee a domanda debole per un totale di 934mila chilometri all’anno, 16 autobus e 45 autisti». Non è stato ancora deciso quali saranno le tratte “sacrificate”. Secondo informazioni informali provenienti dall’azienda, tra le papabili ci sono le nove linee collinari in servizio a Sampierdarena, San Fruttuoso, Bolzaneto, Sestri Ponente, Pra’, San Teodoro, Molassana.

Sindacato contro Amt

I rappresentanti dei lavoratori, però, si oppongono. «Abbiamo chiesto all’azienda di bloccare le esternalizzazioni e abbiamo avuto rassicurazioni in questo senso», ha dichiarato Giuseppe Gulli di Uiltrasporti, come si legge sulle colonne del quotidiano. Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro tra i dirigenti di Amt e i sindacati. Intanto ieri la città si è bloccata a causa dello sciopero di otto ore indetto dai lavoratori Amt, che hanno organizzato un presidio di fronte alla sede della società e bloccato il traffico. La motivazione addotta dai sindacati (coinvolti Fit, Filt, Uilt, Faisa e Ugl) è la «scarsa chiarezza da parte della Città Metropolitana sulle procedure di gara per l’ affidamento del servizio e di un’adeguata ricapitalizzazione della società», oltre a «nessuna certezza sull’inserimento nel bando di gara della clausola sociale che garantisca tutti i lavoratori e i loro diritti contrattuali e sul livello di risorse che verranno garantite; mancata concessione delle ferie personale viaggiante».

 

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati

Mosca prevede di acquistare 500 autobus elettrici nel 2022

Mosca gestisce attualmente mille autobus elettrici pubblici su 66 linee di autobus. La città è ora considerata la più grande flotta di e-bus in Europa e in America. Quest’anno il governo di Mosca prevede di acquistare 500 autobus elettrici. La maggior parte di essi sarà comprata con i fondi de...
Tpl